La legge Gelmini conferma i tagli al sostegno per i disabili gravi

Con l’approvazione del Senato, il ddl Gelmini è legge. Purtroppo essa non rimedia  alla piena attuazione, già decisa da questo governo, della disciplina relativa alla determinazione dei posti di sostegno per gli alunni disabili di cui alla legge finanziaria 2008, cioè alla finanziaria varata dal precedente governo, che prevedeva il rapporto 1:2 fra docente di sostegno e alunni disabili a prescindere dalla gravità.

Con il ridimensionamento del sostegno, l’Italia si muove in controtendenza non solo rispetto alla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, secondo cui “Gli Stati garantiranno la parità di accesso all’istruzione primaria e secondaria, alla formazione professionale, la formazione degli adulti e la formazione continua… Agli allievi che lo richiedono deve essere fornito un sostegno educativo”, ma anche rispetto ad altri Paesi UE, dove ci si sta concretamente adoperando per la piena integrazione scolastica dei ragazzi con handicap.

L’approvazione della legge rende dunque ancora più importante e urgente sottoscrivere la petizione dell’Osservatorio sulla legalità e sui diritti per il ripristino del rapporto 1:1 per il sostegno agli allievi con certificazione di gravità, al fine di sottoporre al presidente della Repubblica – che deve firmare la legge ed è garante della Costituzione – la conseguente violazione dei diritti costituzionali allo studio e allo sviluppo della personalità nonchè al diritto all’integrazione sancito dalla legge 104.

La petizione – già sottoscritta da giuristi, medici, psicologi e da centinaia di cittadini – puo’ essere firmata su
http://www.aaalegalitadiritti.it/appello.htm

Firmare non e’ una scelta di contrapposizione ideologica, ma di civilta’.

Rita Guma

Presidente Osservatorio sulla legalita’ e sui diritti ONLUS

2 commenti presenti

Commenti

  1. rosanna scrive:

    sono la mamma di una bimba con disabilità , lo scorso anno, prima dell’ingresso alla scuola elementare, la mia asl di competenza classificò la mia bimba grave dandole il sostegno 1 – 1
    Purtoppo a causa della riduzione delle ore , mai figlia gode di solo 12 ore di sostegno..
    Ora la mia domanda è questa?
    Se la legge Gelmini ha ridotto notevolmente gli insegnanti alla primaria e quindi ha ottenuto un notevole risparmio, non si potrebbero integrare e riportare tutto come era prima a rgurdo l’inserimento del sostegno?
    Mi spiego meglio..perchè non dare ciò che spetta realmente ai nostri figli?
    Credetemi, i nostri figli hanno notevoli capacità di apprendimento..se adeguatamente stimolati possono imparare tantissimo e integrarsi meglio nella società..
    Allora perchè negare a loro questo ulteriore diritto?
    Purtroppo la sorte non è stata benevola con loro..già lavorono il doppio degli altri bimbi, le ore che spendiamo in terapie sono tante, tra l’altro fanno sforzi notevoli per farsi accettare ed integrarsi con gli altri e perchè l’uomo, la società deve negargli anche quest’altro diritto?
    Politici, uomini di stato immergetevi un pò in questa realtà..vi renderete conto che è dura..ma ti da anche tante di quelle soddisfazioni che nessuno essere umano se non vive una situazione del genere può minimamente immaginare

  2. Cri70 scrive:

    Cara Rosanna condivido pienamente quanto hai scritto, ma vedi purtroppo è così, finchè una cosa non ti tocca da vicino certe realtà non vengono nemmeno prese in considerazione. Pensa che mio figlio frequenta le elementare in un centro nel quale si trova una sezione distaccata del comprensorio scolatisco statale, ed è in classe con 5 bambini disabili (disabilità più che altro psichiche) e data la situazione clinica di mio figlio ( se ti interessa leggi l’articolo sulla sindrome di lesch-nyhan) ho sempre chiesto che gli venisse affiancato almeno un educatore. Mi è sempre stato negato dicendo che il comune non lo avrebbe mai concesso perchè mio figlio già frequenta un centro dedicato ai disabili. Ma io non mi sono accontentata e dopo 3 anni finalmente l’anno scorso il comune ha assegnato un educatore a mio figlio e non immagini nemmeno i progressi che ha fatto a livello scolastico! ti dico questo perchè tu se lo ritieni giusto per tuo figlio devi farti sentire in comune e dalla direttrice della scuola, tua figlia ha diritto al massimo delle ore di sostegno che ti garantisco non sono solo 12 ore alla settimana, credo che siano almento 18!!!!
    Auguro buona fortuna a te e a tua figlia. Un abbraccio Cri70

Lasciaci un tuo commento:





Nota: Tutti i commenti sono moderati, quindi ci vorrà un pò affinché essi siano online.