L’Italia sale sui Podi al Mondiale di Scherma per Disabili

SchermaAtleti che spesso rimangono nell’ombra, che non assurgano alle prime pagine dei quotidiani, ma che per arrivare a vincere una medaglia si allenano e affrontano gli stessi sacrifici che lo sport richiede a tutti, tanto ai normodotati quanto ai disabili. Non è una notizia freschissima, ma non penso che siano in molti a sapere che i nostri schermidori azzurri, in carrozzina, hanno conquistato un oro, un argento e due bronzi. La Coppa del Mondo di Scherma per gli atleti diversamente abili, svoltasi a Bangalore, in India, dal 15 al 30 di novembre 2009, ha visto i colori della nostra sventolare sul podio.

Alla Coppa del Mondo hanno partecipato: Cina, Polonia, Francia, Austria, India, Canada, Kuwait, Thailandia, Inghilterra, Russia, Brasile e Bielorussia, oltre che l’Italia. Matteo Betti, nella gara di fioretto categoria A, ha conquistato l’oro, riuscendo a vincere il pluricampione paraolimpico e mondiale in carica Ye, cinese. Grande la soddisfazione dell’atleta romano, che dopo anni di preparazione ha visto realizzarsi il sogno della medaglia d’oro. Il romano Alessio Sarri, nella specialità della sciabola ha portando a casa la medaglia d’argento, nonostante fosse reduce dall’infortunio alla spalla.

L’azzurro è stato sconfitto in finale dal greco Bodgos. Sempre Sarri, ma questa volta nella specialità del fioretto categoria B, ha conquistato il bronzo. Il secondo bronzo è stato vinto da Pietro Miele, terzo nella sciabola di categoria A. Nonostante la grinta, l’azzurro si è arreso in semifinale, al francese Citerne. Mentre è riuscito a vincere il polacco Makoski, campione olimpionico, medaglia d’argento ad Atene 2004. Le medaglie, vinte dagli azzurri diversamente abili, danno all’Italia e a noi italiani lo stesso risalto e ci inorgogliscono allo stesso modo delle medaglie conquistate dagli atleti “normali”. Tuttavia, troppo spesso queste passano in secondo piano e al più meritano un trafiletto nelle ultime pagine.

FONTE:

PeriodicoItaliano.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.