Lo sport e i Disabili: quanto può aiutare? Quali sono gli Sport Migliori?

Sempre più spesso si vedono, in tv, sui social, degli atleti disabili e questo è un ottimo mezzo per far capire che in questo caso la disabilitànon deve essere un limite, ma che tutti possono praticare del sano sport, per stare meglio con se stessi. Ecco, quindi, perché si parlerà dello sport per disabili, puntando i riflettori su quelli da praticare e sulle regole base, che differiscono da quelle classiche e, pertanto, vanno imparate.

L’importanza dello sport per disabili è, ormai, cosa nota, dato che il primo che ebbe l’intuizione, Ludwig Guttmann, già nel 1944 incominciò a organizzare dei corsi specifici all’interno dei centri di riabilitazione per persone con deficit motori. Solo qualche anno dopo, nel 1948, vennero organizzati i primi giochi per atleti disabili, che nel 1960 divennero le ormai note paraolimpiadi, che si tennero per la prima volta a Roma. Da quel momento, parlare di sport e disabilità non è più un tabù e, anzi, si spinge sempre più spesso in tal senso, invogliando coloro che hanno qualche tipo di deficit a praticare del sano sport che non può che fare bene alla situazione generale del disabile. Finalmente, oggi come oggi, l’attività sportiva è molto diffusa tra i disabili, grazie anche a degli esempi di fama internazionale che spingono gli altri a provare. In questo senso, si pensi, ad esempio, ad Alex Zanardi che nonostante l’incidente e la conseguente disabilità non ha perso la voglia di vivere e di fare sport.

In seguito a questa tendenza sempre in crescita, sono nate non solo delle manifestazioni dedicate ai disabili, come ad esempio le paraolimpiadi di cui sopra, ma anche delle associazioni sportive disabili che allenano tutti coloro che sono affetti da qualche deficit motorio.

Gli sport per disabili sono molteplici e, pertanto, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Si va dall’atletica al nuoto per disabili, dal curling in carrozzina all’handbike, dall’hockey all’equitazione e, ancora, dal golf alla canoa, alle bocce, al basket in carrozzina, allo yoga per disabili e molto altro ancora. Naturalmente ciascuno deve scegliere il suo sport in base a quelle che sono le proprie attitudini e in base a quelli che sono i propri interessi. Si può dire, però, che uno degli sport più praticati è, senza dubbio, il nuoto, perché si tratta di uno sport molto completo, dinamico e che apporta molteplici benefici.

Il nuoto per disabili

Il nuoto, come detto, è una delle discipline più amate dai disabili e lo si intuisce dal fatto era presente già durante la prima edizione delle Paraolimpiadi, che si tennero a Roma nel 1960. Chi pensa che questo possa essere uno sport limitante per chi ha qualche tipo di deficit si sbaglia e lo dimostra il fatto che è una delle attività più praticate dai disabili.  Anche il nuoto per disabili ha diverse discipline in cui cimentarsi, tra cui stile libero, doro, farfalla e rana.

Naturalmente, le distanze previste sono diverse da quelle che di solito si conoscono e si possono riassumere in questo modo: nello stile libero ci sono i 50 metri, i 100 metri, i 200 metri, i 400 metri e i 5 kilometri in acque libere; nel dorso, rana, farfalla sono previsti sia i 50 che i 100 metri; nelle staffette, invece, ci sono i 4 x 50 e i 4 x 100 stile libero e mista; nel misto individuale sono previsti i 150 e i 200 metri. Naturalmente, c’è una divisione in base al sesso e all’età, come siamo soliti vedere anche nel nuoto per normodotati, e, in più, si rende necessaria una divisione per classi, perché si deve garantire a tutti la possibilità di gareggiare in base alla tipologia e al grado di disabilità.

Ecco, quindi, che ci sono varie classi a seconda della patologia degli atleti, che possono essere di tipo fisico ma anche visivo o intellettivo. Prima di prendere parte a queste attività è necessario fare delle visite mediche, così come avviene in tutti gli altri casi, per accertarsi che sia possibile fare questo tipo di attività. Ogni aspirante atleta si deve sottoporre a delle visite e deve essere valutato il grado di disabilità e le sue capacità di nuotata.

Yoga per disabili

Molto spesso si crede che lo yoga non vada per nulla d’accordo con la disabilità, perché bisogna essere molto flessuosi per fare alcune posizioni e, pertanto, questo risulta essere ancora un tabù. Tuttavia, in moltissime città si stanno organizzando dei corsi di yoga per disabili atti a dimostrare proprio il contrario, ossia che i benefici dello yoga possono essere tanti anche per chi è affetto da deficit. Del resto, lo yoga aiuta a ritrovare l’equilibrio e la pace con se stessi, andando anche oltre quelli che sono i propri limiti.

Naturalmente, come tutte le discipline sportive, si deve considerare un supporto e non si deve assolutamente pensare a una panacea in grado di curare delle patologie che, invece, richiedono altri tipi di cure. A queste ultime è utile affiancare anche un’attività sportiva, come lo yoga, che è un’arma potentissima che spinge tutti coloro che la praticano a sfidare i propri limiti, riscoprendo entusiasmo, voglia di mettersi in gioco e ottenendo dei benefici che saranno sotto gli occhi di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.