Fortunato Vinci riconfermato alla presidenza del Comitato Regionale del Comitato Italiano Paralimpico

Fortunato Vinci è stato riconfermato al vertice del  Comitato Italiano Paralimpico calabrese per il quadriennio 2009-2012.
Nella sala riunioni  del  CONI  Regionale a Reggio Calabria, le società calabresi  che operano nel movimento sportivo per disabili hanno provveduto al rinnovo del massimo organismo istituzionale per la Calabria per il CIP, riconfermando oltre al presidente quasi in blocco il Comitato regionale uscente, composto da Carmelo Maiolo, Franca Maria Plutino, Valeria Procopio, Carmelo Regolo, Daniele Tranfo e Cecilia Vinci.
Nei giorni prossimi il Consiglio si riunirà per nominare il vice presidente ed il segretario, nonchè i delegati provinciali e per assegnare le deleghe nei vari settori operativi del Comitato.

“Siamo impegnati più che mai – ha dichiarato il presidente Vinci – nel diffondere e promuovere su tutto il territorio regionale l’attività sportiva per i disabili, che in Calabria raccoglie già alcuni pregevoli risultati anche di vertice nelle vari discipline praticate da atleti non vedenti, disabili fisici ed intellettivo-relazionale. C’è bisogno comunque del forte sostegno delle istituzioni, ma anche l’attenzione, l’interesse ed il seguito da parte di tutti gli sportivi, per far avvicinare sempre più disabili alla pratica dello sport”.

FONTE:
CipCalabria.it

2 pensieri su “Fortunato Vinci riconfermato alla presidenza del Comitato Regionale del Comitato Italiano Paralimpico

  1. Salve un grosso abbraccio a tutti! Quest’anno ho visto con ammirazione il Grande Fratello poichè c’era dentro un concorrente che conosceva la vita!
    Si; L’aveva vista in faccia, anche senza occhiali e senza occhi!!!
    Io, grazie al Buon Dio, ho avuto modo di fare diverse esperienze professionali abbastanza impegnative e gratificanti, prima di giungere alla vera invalidità che, nonostante due stampelle, (sperando che non peggiori), non mi fermi!
    C’è ancora molto da fare, per quanto sia poco quello che riesco a realizzare rispetto ad anni fa! Ma la mia musica, la voce, è capace di far sorridere qualcuno, di fargli pensare:
    “ma si. . .la vita è vita e proprio per questo c’è sempre da lottare! Se no . . .che vita sarebbe?
    Sarebbe solo un gioco stupido, invece così è più intelligente e fa ingegnare gli animi! Ad Majora a tutti!!! 🙂 E CORAGGIO

  2. Dopo aver lavorato 5 anni in ospedale tra : sale operatorie parto, ortopedia ecc, circa 8 ore al dì oggi da 4 anni sono a casa che continuo a fare il mio buon volontariato.
    Ripagato con verdure fresche dell’orto, ma confesso io non vorrei neanche quelle.
    A me fa piacere quando le poche persone che mi hanno chiesto una parola di conforto
    poi stanno bene.:-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.