Simone Frigerio: “Ai nazionali di nuoto per dimostrare a me stesso che il mio orizzonte può essere infinito”

simone-frigerioSIMONE FRIGERIO partecipa per la prima volta al Campionato assoluto italiano estivo e gareggia nelle specialità dei 50 dorso, 50 rana e 50 stile. Le gare si svolgono dal 10 al 12 luglio a Reggio Emilia.

“All’inizio non ci pensavo realmente, non davo al tutto la giusta importanza. Ma ora, a una settimana esatta dalla partenza per l’avventura degli Italiani di Reggio Emilia, posso dire con sincerità che a dispetto del fatto che si tratta di una assoluta novità per me, non riesco a essere altro che concentrato.

Sentimenti classici in questi frangenti come l’ansia o peggio il timore di fallire sono per ora completamente assenti; certo, verrà il momento , spero il più tardi possibile, in cui la paura farà capolino, ma non so come sono ragionevolmente sicuro di poterla perfettamente gestire: certamente anni fa non avrei pronunciato una frase così, se vogliamo anche un po’ presuntuosa, ma è altrettanto vero che anni fa non avrei nemmeno avuto la possibilità di far fruttare un occasione come quella che mi si presenta per il prossimo week-end..Concentrazione dunque;  agonistica certo, ma anche e soprattutto personale.

Non vado in Emilia per fare numeri, né incredibili né modesti, e questo tutta la mia squadra lo sa.. non fa parte del mio carattere. Conta piuttosto essere là, per poter dimostrare a me stesso che quella cosa si può fare, come se ne possono fare cento altre, se si profonde l’impegno adeguato e si è muniti della giusta dose di tenacia, che  si deve  stare però attenti a non   trasformare in frenesia incontrollata.

Troppe esperienze, dentro e fuori dall’acqua, mi hanno insegnato che qualsiasi sentimento umano, anche ciò che a prima vista appare irrimediabilmente negativo, se gestito nella maniera corretta, incanalato nelle giuste misure, porta automaticamente a un miglioramento di sé stessi. Non occorre esserne consapevoli perché ciò avvenga; semplicemente e naturalmente, come da buon luogo comune, se non reprimiamo i nostri sentimenti, saremo di sicuro persone migliori.

Per questo, non vado in Emilia con lo spirito di chi vuole a tutti i costi lasciare sul cronometro tempi stratosferici o addentare medaglie dalla tinta pregiata. Se non vedo l’ora di cominciare questa nuova e stimolante avventura, è soprattutto (ma non esclusivamente) per spostare un poco più in là l’asticella del fattibile, per allontanare dalla vista l’orizzonte del mare in cui navigo, e che mi piacerebbe scoprire infinito”.


Silvia Galimberti

Addetta Stampa A.S.D. BRIANTEA84-Onlus
Cell. 348.765.89.35
E-mail: ufficiostampa@briantea84.it
www.briantea84.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.