A Trieste Cimiteri Inaccessibili ai Disabili

Disabile«All’inizio di novembre – ha scritto la signora Antonella Bortolin al quotidiano “Il Piccolo” di Trieste – ho fatto visita ai miei cari che riposano all’ex cimitero militare di Trieste, accompagnando mio padre in sedia a rotelle e come sempre è stata un’odissea! Infatti, sia quel camposanto che quello di Sant’Anna sono totalmente inaccessibili alle persone con difficoltà motoria. Ai loculi si accede soltanto tramite scale o viottoli sconnessi e non asfaltati e non vi sono rampe per carrozzine».

«Per caso – ha aggiunto la lettrice – contemporaneamente è sopraggiunta una delegazione di autorità in visita ufficiale e ne ho approfittato per segnalare alla persona con la fascia tricolore i gravi disagi incontrati e quanto ciò sia incivile in una città con un altissimo numero di anziani come Trieste. Mi ha risposto che “incivile è una parola grossa”. L’ho invitato dunque a provare egli stesso a spingere la carrozzina su quel terreno, ma non ha accolto il mio invito, assicurandomi, in compenso, che le mie segnalazioni saranno tenute presenti». Ma basterebbero delle rampe a rendere effettivamente accessibili i cimiteri di Trieste – e quelli di tante altre città italiane – alle persone con disabilità?

 Se consideriamo che la disabilità non riguarda solo problemi motori, diremmo proprio di no. Infatti, come ha correttamente rilevato qualche giorno dopo Fernanda Flamigni, responsabile provinciale dell’ADV (Associazione Disabili Visivi), scrivendo sempre al «Piccolo», «è necessario che alle segnalazioni riferite a barriere architettoniche quali i gradini o i viottoli in ghiaia si aggiungano anche quelle dei disabili della vista i quali, in assenza di segnaletiche tattili a terra o di mappe tattili, sono egualmente impossibilitati a visitare il cimitero e a percorrere luoghi aperti, in cui le guide naturali siano assenti o insufficienti». Niente di tutto ciò è presente in quei cimiteri e quindi possiamo tranquillamente concludere che a Trieste l’inaccessibilità degli stessi è un dato di fatto per la stragrande maggioranza dei cittadini con disabilità.

FONTE:

Superando.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.