Mostra Toccare Gli Angeli – Inediti marmi di Gioacchino Varlè al Museo Omero

Museo Tattile Statale OmeroInaugurazione: giovedì 3 dicembre 2009 ore 17,30. In occasione della Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità.

Presentazione del catalogo: domenica 13 dicembre 2009 ore 17,30.

“Toccare gli angeli, quei luminosi messaggeri divini, è impensabile e, generalmente, questo vale anche per le rappresentazioni scultoree delle medesime, ineffabili creature che gli artisti hanno prodotto e che fanno bella mostra sugli altari e nei musei. Ora, grazie alla sinergia tra il Museo Omero, il Museo Diocesano e i Padri Domenicani di Ancona, vengono esposti, alla ammirazione e alla esplorazione tattile del pubblico, inediti e pregevoli marmi di Gioacchino Varlè (Roma 1731 – Ancona 1806): due mirabili  teste d’angelo, infantili e alate, e le figure di due evangelisti, Luca e Giovanni, in  parte mutile ma sottoposte, per l’occasione, ad un sapiente restauro conservativo.

Da  sole costituiscono tracce eloquenti di quella ebbrezza di rinnovamento che pervase l’Ancona del Settecento: mentre Luigi Vanvitelli, con i suoi interventi, ridisegnava e  portava all’esaltazione la forma urbana, Gioacchino Varlè ornava e aggiornava, con la sua stupefacente e copiosa attività plastica, tutte le maggiori architetture della Città. Oltre la contingenza della Mostra, le quattro opere del Varlè rimarranno, probabilmente  tutte, al Museo Omero, in prestito, offerte a una autentica e inclusiva fruizione pubblica. In quel luogo privilegiato, come si auspica, potranno essere testimonianza, non  isolata e motrice, della collaborazione virtuosa tra Istituzioni, per la crescita civile e culturale della Comunità in cui le stesse operano. Infine, chiudere gli occhi e toccare gli angeli, quelli scolpiti dalla spiritualità e dalla maestria di un artista, che ha cercato nella bellezza il segno d’eternità, non sarà come sentire e vedere gli angeli, quelli immaginati dall’uomo che da sempre guarda  all’Aldilà?” Massimo Di Matteo

INFORMAZIONI MOSTRA
Ente promotore: Museo Tattile Statale Omero.
Coordinamento: Roberto Farroni.
Comitato scientifico: Maria Giulia Cester, Giuliano de Marinis, Massimo Di Matteo, Nadia Falaschini, Roberto Farroni, Aldo Grassini, Diego Masala, Massimiliano Trubbiani.
Cura della mostra, catalogo e testi: Massimo Di Matteo, Nadia Falaschini, Diego Masala.
Allestimento: Massimo Di Matteo.
Illuminazione: Effettoluce – Castefidardo.
Restauro: C.B.R. di Romeo Bigini.
Prestatori: Museo Diocesano di Ancona, Convento dei Padri Domenicani.
Immagine grafica e foto: Visibilio di Maurizio Bolognini.
Supporti per non vedenti: Massimiliano Trubbiani.
Segreteria organizzativa: Maria Giulia Cester, Massimiliano Trubbiani.
Comunicazione e ufficio stampa: Economia&Cultura di Gabriella Papini.
Supporti per non vedenti: Massimiliano Trubbiani.

Con il patrocinio di:
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche
Regione Marche
Provincia di Ancona
Comune di Ancona

In collaborazione con:
Soprintendenza per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico delle Marche –  Urbino
Arcidiocesi Ancona – Osimo
Museo Diocesano di Ancona
Convento dei Padri Domenicani di Ancona
Studio Italia Design
Effettoluce – Castelfidardo

IINFORMAZIONI VISITE GUIDATE
Telefono 071 28 11 93 5; Fax 071 28 18 35 8; E-mail info@museoomero.it .

Visite guidate Museo e Mostra a cura dei Servizi Educativi del Museo Omero: Manuela Alessandrini, Monica Bernacchia,Cristiana Carlini, Francesca Graziani, Andrea Socrati, Annalisa Trasatti, Massimiliano Trubbiani. Costo: 7,00 a persona, gratuito per bambini fino a 4 anni; 3,50 per gruppi a persona (minimo 4 e massimo 60 persone, con un operatore ogni 20).

Tutte le iniziative sono gratuite per disabili e loro accompagnatori. Orario: 3 dicembre 2009 – 20 giugno 2010. Martedì-sabato: 9.00 – 13.00, 15.00 19.00. domenica: 16,00 – 19,30. 26 dicembre, 6 gennaio, 4 maggio, 2 giugno: 16,00-19,30. Chiusura: lunedì, 25 e 31 dicembre, 1 gennaio, Pasqua, 1 maggio.

Ingresso gratuito.

Museo Tattile Omero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.