I disabili non hanno gli stessi diritti delle coppie di fatto.

Ragazzo al computerIn questi giorni un accesso dibattito investe le forze politiche, civili e religiose italiane.
Il tema è quello delle famiglie di fatto e dei patti civili di solidarietà.
Al di là delle singole posizioni e al di là di quello che sarà l’esito legislativo, ci sono alcuni aspetti che non vanno dimenticati e che la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap sente di dovere di evidenziare.
Ci sono persone disabili che vivono in regime di convivenza.
La persona con cui hanno scelto di condividere la loro esperienza di vita, non può contare sulle stesse agevolazioni fruibili dalle coppie regolari.
Nessuna agevolazione fiscale: non si possono detrarre, per il disabile a carico, le spese sanitarie (farmaci, ausili, veicoli), né dedurre le spese per l’assistenza.
Non si può godere di detrazioni per carichi di famiglia,né di tutti gli altri benefici pensati dal Legislatore per aiutare le situazioni di disagio.
La coppia di fatto con disabilità è quindi doppiamente discriminata rispetto a qualsiasi altra coppia regolare o di fatto.
Nessuna agevolazione lavorativa: i permessi lavorativi possono essere richiesti per parenti ed affini (fino al 3° grado), anche per i figli affidati ma non per il convivente.
Non può essere scelta la sede di lavoro più vicina.
Non si può accedere ad alcuna forma di flessibilità. Il bisogno riconosciuto dal Parlamento con proprie norme, si dissolve se la coppia di fatto.
Anche in questo caso la discriminazione è doppia.
Infine, nel caso di grave disabilità intellettiva sopravvenuta il convivente non può promuovere alcuna pratica di interdizione né il disabile potrà vantare diritti sull’eredità del convivente.
A queste discriminazioni che moltiplicano un disagio, riteniamo che il Legislatore debba porre rimedio, qualsiasi sia la soluzione che vorrà adottare sulle famiglie di fatto.

Per maggiori informazioni: Segreteria FISH, tel. 06 78851262
fax 06 78140307, presidenza@fishonlus.it

SUPERANDO.EOSSERVICE.COM

Un pensiero su “I disabili non hanno gli stessi diritti delle coppie di fatto.

  1. anche io vivo la stessa situazione, coppia di fatto o convivenza.
    é una scelta sempre piu´ diffusa per chi ha una diabilitá. ritengo che il rapporto si costruisce quotidianamente fra due persone che ha deciso di condividere, liberamente,
    di stare insieme. si assume un senso di rispetto straordinario, (dovere), ma senza alcun (diritto). io convivo da dieci anni.
    salute e pace.
    cesco – sicilia
    p.s. pressiamo affinché le norme attuali vengano estese con apertura mentale maggiore,
    e siano in linea con i nuoviconcetti di coppia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *