Vigile viabilista in carrozzella; i disabili saranno avviati nell’attività di supporto alla Polizia Municipale.

Sedia a rotelle in cuoreL’articolo 1 della Legge 5/02/1992, n°104, spiega l’Assessore Aprile, prevede la piena integrazione della persona diversamente abile nella famiglia, nella scuola, nel lavoro e nella società.
Con il progetto già in possesso da questo assessorato, intendiamo sviluppare nella collettività la cultura della valorizzazione della diversità anche con questo tipo di servizio che prevede la piena collaborazione dei diversamente abili in carrozzella con gli agenti della Polizia Municipale.
Il progetto è già stato sperimentato in altre città italiane e, in Sicilia, il Comune di Modica sarebbe il secondo Ente ad avviare al lavoro le persone affette da handicap fisico nel settore della viabilità, dopo il Comune di Caltagirone.
In buona sostanza, le persone disabili saranno avviati nell’attività di tutela degli spazi urbani. Lo scopo è quello di favorire l’integrazione del disabile ma, il disabile in servizio, individuerà adeguati itinerari turistici accessibili ai soggetti diversamente abili. Entro il mese di maggio il progetto sarà presentato alle Associazioni che si occupano di assistenza ai disabili in modo da sensibilizzare i soggetti interessati e le loro famiglie, perché possa avvenire la loro piena integrazione nel mondo del lavoro.
Saranno effettuati corsi di formazione predisposti dal Comando della Polizia Municipale per un massimo di quattro soggetti, per quattro ore al giorno che, ciclicamente, saranno sostituiti.
“Dobbiamo superare, conclude l’Assessore Aprile, la logica della mera assistenza anche in un campo da sempre ostico ai diversamente abili, quale quello della viabilità.
Il risultato sarà quello di un forte recupero civile ed occupazionale”.

WWW.MODICA.INFO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.