Un atleta disabile correra’ la Sahara Marathon

Sahara MarathonLo slogan “La mia corsa libera campeggerà” sulle loro magliette quando i due modenesi affronteranno il 28 febbraio la Sahara Marathon, corsa nel deserto organizzata da cinque anni per testimoniare solidarieta’ al popolo Saharawi. Mazzucchi, 38 anni, sara’ il primo atleta disabile a correre 42 chilometri e 195 metri massacranti, su una pista di sabbia e sassi, sotto un sole cocente. Affetto da sindrome spastica (ha cominciato a camminare a cinque anni) e’ un atleta dell’Asham e lo scorso anno ha portato a termine ben tre maratone: a Roma, Padova e New York. La Sahara Marathon 2005 sara’ la sua sfida piu’ impegnativa che, non a caso, ha ottenuto il patrocinio ed il contributo concreto della Fondazione Cassa di Risparmio, della Provincia e del Comune di Modena e del Comune di Castelfranco Emilia. Claudia Tognoli, 26 anni, originaria di Caravaggio (Bergamo), a Modena da due anni, da un anno e mezzo e’ volontaria dell’Asham. Per gli atleti dell’Asham la maratona sara’ anche un modo per ricordare Cristina, moglie di Andrea scomparsa improvvisamente tre mesi fa. Cristina ha speso la vita lottando contro le discriminazioni e ha lasciato un vuoto incolmabile nel cuore di chi ha avuto la fortuna di conoscerla.

WWW.SASSUOLO2000.IT
 

Un pensiero su “Un atleta disabile correra’ la Sahara Marathon

  1. Io lo scorso anno ho parteciapato ad una mezza maratona nel deserto la Sharm Half Marathon facendo da guida ad un atleta autistico, il suo nome è paolo deroma. Per lui è stato importantissimo perchè ora viene riconosciuto un atleta normale. Nonostante che gia da prima faceva una gara al mese ed aveva 1 ora e 47 di personale su una mezza maratona.Ti facciamo il nostro in bocca al lupo, lui mi ha scritto (perche non parla ma usa un pc per comunicare) di fare da apripista a tanti atleti speciali come voi perchè si possa raggiungere una normalità atletica. La mia email è: carta30@tiscali.it.
    PS SEI GRANDE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.