Milano: Disabilità e Mobilità una vera emergenza

Diversamente AbiliL’ennesimo atto discriminatorio che riempie le pagine delle cronache estive dei nostri giornali. Nel nostro Paese, per far valere i propri diritti ci hanno insegnato che bisogna arrampicarsi sui monumenti ed urlare,  peccato che in questo caso ci sia l’impossibilità di raggiungere con la propria carrozzina tale opportunità, addirittura  si rischia di  urtare la suscettibilità  dei passanti, infastidire i passeggeri accaldati e nervosi dei mezzi pubblici, cittadini di una città che mezza piena non può fermarsi, non ha tempo e la pazienza d’ascoltare  le rivendicazioni di chi non è tutelato nei suoi bisogni. Arrampicarsi sul tetto dell’autobus avrebbe avuto un seguito maggiore ma ahimè, sono proprio  le gambe che ci fanno diversi…. la testa, il cuore, i sentimenti, la fede e l’esasperazione invece no!

Siamo certi che Milano  si rende conto della ricchezza di questi valori, ma  senza voler esagerare, stiamo vivendo una vera e propria emergenza, peggiore degli sbarchi a Lampedusa, più vergognosa della spazzatura della Campania, nella sua quotidianità più terribile e dolorosa del terremoto in Abruzzo; almeno in tutti questi casi si è posto un limite di tempo e di mezzi per superare le avversità, ma per chi è costretto silenziosamente a convivere in questa condizione di handicap, esistono solo celate promesse. Bisogna rammentare che il 15 per cento della popolazione nazionale ha problemi di deambulazione, con picchi che raggiungono il 18/20 per cento nella nostra città; ricordiamo che tali negligenze, sono in contrasto con il recente trattato ONU, che si basa sul rispetto “tout court” dei diritti delle persone disabili, ratificato e approvato dal nostro Governo. Ci troviamo perciò in una situazione imbarazzante, dove un ricorso  all’Alta Corte di Strasburgo per un richiamo al rispetto dei diritti umani, vedrebbe  il nostro Comune perseguito, in modo infamante,  attraverso un procedimento punitivo devastante, sia per l’immagine, come pure per la vasta eco negativa a livello internazionale. Alle porte dell’Expo 2015 Milano non può più tergiversare per risolvere temi di così grave entità, sperando sempre nei miracoli del volontariato sociale. Bisogna prima di tutto porre come prioritario la centralità dei bisogni dei cittadini, attraverso una seria programmazione che preveda a parità d’investimenti economici, un ritorno appropriato di servizi che vadano a migliorare la qualità della vita dell’intera collettività.  Da tempo  richiamiamo l’attenzione alla formazione di un tavolo di lavoro che veda coinvolti il Privato Sociale e il Privato Economico, le Istituzioni locali e le Aziende dei trasporti, auspicando la composizione di una task force che, oltre a valorizzare il primato di una città che quanto a sensibilità, solidarietà ed efficienza non è seconda a nessuno,  dimostri che ha capito che non c’è più tempo da perdere.

PER INFORMAZIONI:

Atlha Onlus
Tel:  02  48206551 ;  www.atlha.itatlha@atlha.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.