A Parma il 07 Febbraio 2010 si svolgerà il Campionato Interregionale di Scherma per Disabili in Carrozzina

Saranno una quarantina gli atleti che si fronteggeranno a colpi di fioretto, sciabola e spada nella seconda prova interregionale Zona Centro del Campionato italiano di scherma in carrozzina, l’importante appuntamento schermistico paralimpico che si terrà domenica prossima, 7 febbraio, a partire dalle 10 nella palestra dell’Istituto tecnico Bodoni di Parma (viale Piacenza, 14). Alla gara, riservata ad atleti provenienti da Emilia Romagna, Toscana e Lazio, parteciperanno anche gli schermidori paralimpici che hanno gareggiato alle Olimpiadi di Pechino: Matteo Betti, Alessio Sarri e Loredana Trigiglia.

L’iniziativa, presentata questa mattina nell’Ente di piazza della Pace, si inserisce nell’ambito del progetto provinciale “Schermaproviamo ed è organizzata dal Club Scherma “La Farnesiana” con il patrocinio di Provincia, Comune e Comitato italiano paralimpico dell’Emilia Romagna. “È una manifestazione di grande rilevanza che siamo orgogliosi di ospitare in una delle nostre palestre – ha detto l’assessore provinciale allo Sport Gabriella Meo -. Un evento che sottolinea l’attenzione che la Provincia ha per tutti gli sport, anche per quelli ritenuti “minori” come la scherma, e per il concetto dello sport per tutti, disabili e non. Ecco perchè, sempre insieme alla Farnesiana, abbiamo promosso il progetto Schermaproviamo che mira a portare la scherma nelle scuole del Parmense: un modo per dare ai ragazzi del territorio, dall’Appennino al Po, la possibilità di praticare tutte le attività sportive”. Quello di Parma è uno dei numerosi appuntamenti in programma. È la prima volta nella storia della scherma in carrozzina che viene proposto un calendario gare così ricco: un modo per aumentare il livello agonistico di questo sport e dargli ancora più visibilità. È infatti importante che la scherma venga ancora più conosciuta e si liberi della nomea di disciplina di nicchia, e lo è per diversi motivi: non solo, in quanto sport, insegna ai ragazzi valori fondamentali, ma è anche adatta a contribuire all’abbattimento delle barriere architettoniche e sociali della disabilità, avendo le peculiarità necessarie e fondamentali perché atleti in carrozzina e atleti in piedi si possano confrontare senza alcuna difficoltà.

“È importante avere a diposizione più gare perché in questo modo i ragazzi hanno più occasioni per allenarsi, confrontarsi e migliorare – ha spiegato Marco Melli del Club Scherma La Farnesiana -. L’aumento delle competizioni è motivato dal fatto che stiamo cercando di uniformare la scherma in carrozzina con i Gran Premi assoluti del campionato di scherma in piedi: in questo modo in futuro potremo fare gare integrate tra disabili e non.” Proprio per far conoscere maggiormente questo sport, alla manifestazione sono invitati i ragazzi delle scuole elementari e medie del territorio. É a loro che si rivolge il progetto “Schermaproviamo”. L’iniziativa, promossa da Provincia, Ufficio Scolastico Provinciale, Comitato italiano paralimpico e Club Scherma La Farnesiana di Parma, ha l’obiettivo di portare la scherma nelle scuole elementari e medie dando la possibilità a tutti, anche ai ragazzi disabili, di sperimentarla. Le scuole interessate possono contattare il Club La Farnesiana per programmare gli appuntamenti, in seguito ai quali i ragazzi che fossero interessati possono proseguire le lezioni gratuitamente alla palestra della Farnesiana fino al 2012. Alla conferenza stampa di stamattina erano presenti due atlete del Parmense medagliate nei campionati italiani, Simonetta La China e Cecilia Foppiani.

FONTE:

SportParma.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.