Votare è un diritto di tutti, anche dei disabili.

Elezioni  DisabiliGli ostacoli sono tanti
A cominciare dalle sedi elettorali che non sempre sono predisposte per consentire l’accesso facile al voto per i diversamente abili. A Manfredonia le 57 sezioni elettorali sono ubicate presso nove scuole elementari presenti in città più la sezione 22 di Siponto collocata presso un ex ufficio postale. A partire dagli ingressi principali; molti edifici presentano ancora grosse barriere architettoniche come le scale che non consentono ad un portatore di handicap in carrozzella di accedere ai seggi. Per non parlare poi delle cabine elettorali che non sono arredate secondo le disposizioni di legge. Almeno una di esse, con tanto di indicazione segnaletica, dovrebbe prevedere un secondo piano di scrittura, eventualmente ribaltabile, all’altezza di circa 80 cm oppure un tavolo munito di ripari che garantisca la stessa segretezza.
Alle prossime elezioni i disabili potranno esercitare il loro diritto al voto con più facilità secondo la legge 17 del 2003 che semplifica di gran lunga le procedure di votazione per tutti coloro che sono ciechi o che hanno difficoltà nell’usare le mani e nello scrivere e che, quindi, hanno bisogno di una persona che faccia da accompagnatore nella cabina di voto che abbia l’unico requisito di essere iscritto nelle liste elettorali di un qualsiasi comune della repubblica. Il diritto all’accompagnamento, inoltre, potrà essere documentato una volta per tutte con un certificato medico gratuito rilasciato dal medico legale della propria Asl che attesti l’infermità fisica dell’elettore nell’esprimere il voto. Previa l’esibizione di questo certificato, gli uffici elettorali dei comuni annotano il diritto al voto assistito direttamente sulla tessera elettorale. Un elettore può fare l’accompagnatore di un solo elettore disabile per ogni votazione. I disabili permanenti possono rivolgersi all’Ufficio Elettorale per ottenere sulla propria tessera un simbolo che certifichi la loro necessità di essere accompagnati. Il modulo di richiesta è prestampato e lo si trova presso l’ufficio elettorale.
Inoltre, l’art. 29 della legge 104 del 1992 (legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate) stabilisce che i comuni devono garantire in occasione delle consultazioni elettorali un servizio di trasporto gratuito per facilitare ai disabili il raggiungimento del seggio elettorale.

WWW.MANFREDONIAVOTA.IT
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.