Una Novità per la diagnosi della sordità infantile a Torino

È stata presentata ed inaugurata all’ospedale Molinette di Torino una nuova ed importante apparecchiatura per la diagnosi precoce della sordità neonatale ed infantile, di cui si è dotato il reparto di Otorinolaringoiatria – Audiologia e Foniatria universitaria dell’ospedale Molinette di Torino (diretto dal professor Roberto Albera), grazie al prezioso contributo dell’A.P.I.C., associazione di pazienti portatori di impianto coclearie.

Una Palestra attrezzata per Disabili

Taglio del nastro, domenica 26 settembre alla Battaina di Urgnano, per la «Casa dei colori», struttura che ospiterà disabili adulti nell’ambito di un progetto di residenzialità promosso dal Comune, con l’obiettivo di offrire anche alle famiglie una «palestra di autonomia», rispondendo alle problematiche del «dopo di noi» e del «durante noi».

Al Policlinico “A. Gemelli” di Roma è stato Inaugurato un Percorso Hi-Tech per non vedenti

Al Policlinico A. Gemelli i disabili visivi possono oggi seguire un percorso tattilo-plantare vocalizzato, il primo installato in una struttura ospedaliera italiana, che dal suo ingresso permette di raggiungere il Polo Nazionale di Servizi e Ricerca per la Prevenzione della Cecita’ e la Riabilitazione Visiva degli Ipovedenti, voluto e realizzato dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecita’-IAPB Italia onlus in collaborazione con l’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore e il Ministero della Salute.

A Fidenza (PA) Aperto un centro estivo per accogliere le persone affette da autismo

Si è svolto con soddisfazione in luglio – coinvolgendo diciotto tra bambini e ragazzi in età compresa tra i 6 e i 18 anni – il Progetto Aperto per ferie, che ha visto il Centro Riabilitativo di Fidenza (Parma) della Fondazione Bambini e Autismo ONLUS di Pordenone organizzare a Parma un Centro Estivo specifico per persone autistiche, finanziato dall’Azienda Ragni Sistemi, che ha voluto in tal modo festeggiare i suoi vent’anni di attività.

Raccolte 1200 firme per l’accelerazione dell’iter sula Legge della Dislessia

Una legge, che riguarda circa 350mila giovani, il 5% circa degli alunni italiani e, che finalmente dovrebbe riconoscere “non solo la particolarità dei bisogni formativi ed educativi degli studenti dislessici/Dsa, ma anche la necessità di una diagnosi precoce, il diritto all’utilizzo degli strumenti compensativi e a una didattica flessibile mirata alle esigenze di questi ragazzi”, si legge nell’appello.