A Torino Giornata Internazionale delle Persone Disabili dedicata allo Sport

DisabileSport e cultura: queste le due parole chiave che sono ricorse oggi durante la presentazione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, organizzata dalla Consulta per le persone con disabilità. Il tema della manifestazione: lo sport per tutti.

Ricco il calendario, illustrato durante la mattinata: domenica 29 novembre grande azione di pittura collettiva in piazza San Carlo, ideata e realizzata dal Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea; la giornata del 3 dicembre: il convegno  “Società, disabilità: buone prassi, qualità dei servizi e sviluppi futuri”, organizzato dall’ Anffas Onlus (Associazione famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale), in occasione del 50° anniversario dalla nascita della sede torinese; judo, basket e danza in una mattinata dedicata alle scuole, attesi 3.500 studenti di tutte le età, con la regia di Paolo Severini; la cerimonia di consegna dei premi del 3 dicembre: alla  ballerina e pittrice Simona Atzori , come simbolo della capacità di superare le difficoltà che derivano dalla disabilità, grazie alla forza di volontà e al talento, ad Antonio Miletto, direttore della Dea del Cto di Torino e vicepresidente dell’Hb basket, società di pallacanestro in carrozzina, a Tiziana Nasi, presidente del Cip Piemonte e simbolo dello sport paralimpico piemontese e presidente del Comitato organizzatore delle Paralimpiadi; la sera il concerto di Pino Daniele; infine il 9 dicembre lo spettacolo “Piuttosto sputami in faccia”.

Paolo Osiride Ferrero, presidente Cpd ha sottolineato l’importanza di questa giornata, che contribuisce alla crescita culturale di tutti, ricordando invece anche alcuni episodi di non inclusione della disabilità verificatisi sul territorio piemontese. “Stiamo lottando – ha concluso- questi fatti non ci scoraggiano: sappiamo che la strada è quella giusta, una crescita culturale verso le persone con disabilità. Anche se il cammino è ancora lungo e pieno di insidie”. “Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”. Marco Borgione, assessore alla Famiglia del comune di Torino, ha citato la frase di apertura dei primi giochi internazionali Special Olimpics del ’68, sottolineando ancora l’importanza dell’impegno culturale e dello sport come momento di gioco, di relazione, come momento di vita importante, anche di inserimento in percorsi di normalità. “Saluto con entusiasmo l’edizione 2009 della Giornata europea delle persone disabili, dedicata proprio allo sport come veicolo d’integrazione” ha dichiarato Davide Gariglio, presidente del Consiglio della regione Piemonte, sottolineando l’impegno delle istituzioni verso “il grande mondo delle associazioni impegnate a favore dei disabili”. Premiata ora perché assente il 3 dicembre per impegni internazionali, Tiziana Nasi, che ha ringraziato la Cpd e annunciato l’approvazione della mozione che permetterà agli atleti con disabilità intellettiva a riniziare a partecipare alle Paralimpiadi.

FONTE:

SuperAbile.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.