Dalla Regione Puglia un aiuto informatico per i disabili

Tecnologie per i DisabiliAvvicinare gli handicappati alle tecnologie della informazione, agevolando l’accesso ai servizi delle pubbliche amministrazioni: è l’obiettivo del progetto «Sax» con il quale la Regione Puglia ha finanziato, con otto milioni di euro, la realizzazione di 4.000 postazioni informatiche, e con quattro milioni la realizzazione di 44 Centri per la connettività sociale. Gli interventi dell’assessorato regionale alle Politiche sociali, con il contributo dell’assessorato allo Sviluppo Economico, sono stati illustrati ieri. A fronte di 6.845 istanze pervenute, sono state finanziate 4.000 postazioni informatiche con un contributo regionale di 8,2 milioni. Le postazioni sono suddivise per diversi handicap: motorio (2.111 beneficiari, 4,4 milioni di euro); visivo (486 beneficiari, 1,7 milioni di eruo); udito (692 beneficiari, 1,1 milioni di eruo); psichico (1.335 beneficiari, 1 milione di euro). I centri dovranno essere funzionali per oltre 36 mesi.

L’ASSESSORE FRISULLO – «Mi pare la conferma che il governo Vendola ha ben agito nel corso di questi anni a sostegno dei ceti più deboli, più indifesi» e «in questo caso per includere i diversamente abili a partire dalla diffusione delle tecnologie informatiche». Lo ha sottolineato il vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Sandro Frisullo, a margine della presentazione del progetto «Sax». «Noi – ha spiegato ancora Frisullo– abbiamo concorso con due milioni soprattutto per il progetto Sax, e siamo disponibili a individuare tutte le possibilità finanziarie per sostenere altri interventi». «Certamente – ha concluso Frisullo – c’è la conferma di un impegno che da parte nostra è reiterato anche in questa circostanza».

L’ASSESSORE GENTILE – «Il nostro modello di welfare, oggi, è per davvero una buona prassi a livello internazionale » e «la Comunità europea ha riconosciuto nel nostro lavoro un modello anche per le altre Regioni del Mezzogiorno». Lo ha detto l’assessore alle Politiche sociali della Regione Puglia, Elena Gentile, in occasione della presentazione del progetto «Sax». «Abbiamo voluto – ha sottolineato la Gentile – utilizzare risorse importanti per affidare al sistema della cooperazione sociale e dell’associazionismo un nuovo ruolo, che è quello di promuovere sempre di più le diverse abilità e consentire a tanti ragazzi e ragazze di costruire anche un nuovo percorso di vita». Per l’assessore Gentile non servono «più assistenza e risposte compassionevoli, ma la realizzazione di luoghi e di strumenti per poter abbattere tutte le barriere architettoniche, anche quelle culturali». Il progetto Sax – se – condo Gentile – «è stata una risposta importante» e «le associazioni hanno risposto con entusiamo all’invito del governo regionale ad essere protagonisti di questa nostra rivoluzione». “Oggi – ha concluso la Gentile – la Puglia è un modello per il Paese e per l’Europa» e anche «una Regione del Mezzogiorno che non ha più nulla da invidiare alle Regioni del Centro-Nord».

FONTE:

LaGazzettaDelMezzogiorno.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.